Archivi categoria: Top 10

Le dieci cose “che”!

Nerd Crash Course – Part 2

Una decina di album musicali per aiutare a capire la sensibilità nerd (sempre che ce ne sia una). OK, più geek che nerd…

1) Family Genesis (YMCK, 2008)
È un album che sconcerterà i più perchè trattasi di pura musica elettronica a 8 bit (come quella che faceva da colonna sonora a certi giochini da computer fine anni ’80 – inizio anni ’90) con in più parti vocali.
Ascoltare un intero album di musica siffatta può essere un’esperienza eccessiva per alcuni, ma per altri (me incluso) è una gradevolissima immersione nella spensierata e coloratissima irrealtà degli arrangiamenti davvero ben orchestrati (beh, si fa per dire;-) del compositore/arrangiatore/tastierista/batterista/programmatore Yodemura, con l’accompagnamento vocale della cantante Midori e (dal vivo o su YouTube) il determinante apporto visuale di Nakamura.
Il trio giapponese ha il suo sito personale, e l’obbligatoria pagina su My Space, attraverso la cui playlist c’è la possibilità di apprezzare la freschezza di brani come Plejades o Starlight (il Magical 8bit Tour meglio ascoltarlo in un secondo momento), che non riescono a celare del tutto dietro l’ingenuo aspetto di musichette da videogioco il maturo virtuosismo degli arrangiamenti di Yodemura.

2) Switched On Bach (Walter Carlos, 1968)
Cosa c’è di più nerd che prendere la musica di Bach ed eseguirla su macchine elettroniche acerbe che generano suonetti fastidiosi, invece che su strumenti dal suono sublime perfezionati in secoli?

3) Personal Computer (Doris Norton, 1984)
Credo che sia l’unico album musicale con l’endorsement ufficiale di Apple, con tanto di logo in copertina. Basta questo per includerlo in questa lista. Made in Italy, by the way (Doris Norton vive tuttora in Italia ed è la moglie di Antonio Bartoccetti degli Antonius Rex, che tra l’altro ha partecipato alla realizzazione di questo album).

4) Computer World (Kraftwerk, 1980)
Non è il miglior album dei Kraftwerk ma è sicuramente il più nerd — ad ogni modo un classico, pure gradevole.

5) El Baile Alemán (Señor Coconut Y Su Conjunto, 2000)
È un demenziale omaggio di Uwe Schmidt, alias Señor Coconut, alla musica dei Kraftwerk, rifatta in chiave sudamericana: geniale e divertente. Sembra acustico e sudamericano ma è made in Germany e tutto fatto col computer. Perfino la copertina è «finta»!

6) Ghost In The Shell Stand Alone Complex – Colonna sonora (Yoko Kanno, 2003)
Colonna sonora sorprendentemente varia e tutta talentuosamente composta e arrangiata da una giapponesina assolutamente nerd. Supporto vitale dell’ottima serie di cartoni nipponici cyberpunk. In realtà gli album sarebbero quattro, e tutti belli.

7) Phaedra (Tangerine Dream, 1974)
I Tangerine Dream sono un gruppo imprescindibile anche (soprattutto!) per i nerd, e questo è il loro capolavoro.

8) Blade Runner – Colonna sonora (Vangelis, 1982)
“Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. È tempo di morire.” :->

9) Vrioon (Ryuichi Sakamoto, Alva Noto, 2002)
Ryuichi Sakamoto suona (improvvisa?) note rarefatte al pianoforte acustico, e Alva Noto vi ricama sopra col computer originalissime tessiture minimali di suoni elettronici purissimi (i sintetisti capiscono cosa intendo) e calibrati con gusto, misura e talento sia tecnico che compositivo.

10) The Complex (Blue Man Group, 2003, DTS DVD-Audio)
Da ascoltare obbligatoriamente nella versione DTS 5.1.

___
“Nerd Crash Course – Part 1” è dedicato ai 10 film la cui visione è obbligatoria se si vuole tentare di entrare nello spirito nerd. 

Nerd Crash Course – Part 1

Ecco un deca di film la cui visione è obbligatoria se si vuole tentare di entrare nello spirito nerd. Non piaceranno ai grulli 😉

01) Galaxy Quest (1999)

02) Scott Pilgrim vs The World (2010)

03) Fanboys (2009)

04) Paul (2011)

05) Shaun of the Dead (L’alba dei morti dementi – 2004)

06) Men In Black (1997)

07) Tenacious D in The Pick of Destiny (Tenacious D e il destino del rock – 2006)

08) Eternal Sunshine of the Spotless Mind (Se mi lasci ti cancello – 2004)

09) The Kentucky Fried Movie (Ridere per ridere – 1977)

10) Donnie Darko (2001)

___
“Nerd Crash Course – Part 2”
segnala 10 album musicali per aiutare a capire la sensibilità nerd.